Prenota Ora!
Alberobello e la magia dei trulli

Se vi trovate in Puglia, e vi state godendo un magnifico soggiorno nella Valle d’Itria, è doverosa una visita agli splendidi Trulli di Alberobello: queste eccezionali costruzioni coniche, patrimonio riconosciuto dall'UNESCO nel 1966, sono un'attrazione turistica molto nota. Il trullo, infatti, è da sempre espressione tra le più tipiche dell'anima contadina della Puglia.

La sua architettura ruota intorno all'innesto di una forma conica su una sottostante struttura solitamente cubica, proponendo tra l'altro la singolare geometria della cosidetta falsa cupola, ottenuta mediante la sovrapposizione di filari concentrici di chiancarelle che vanno via via avvicinandosi al centro, la chiave di tutto l'insieme, sottolineata dalla presenza del tipico elemento cuspidato che termina superiormente con una sfera o cun un pinnacolo dalle forme piu svariate. Spesso sui coni si ritovano, tracciati con latte di calce, disegni sacri e profani, stelle, croci, mezzelune, simboli astrali. Gli ingressi ai trulli piu antichi si distinguono per la presenza di una architrave in pietra con sovrastante arco di scarico. Le parti significative della costruzione a trullo ad Alberobello e dintorni sono fondamentalmente due: lo spazio centrale quadrato, coperto dalla falsa cupola e alcuni spazi laterali che si affacciamo direttamente sul vano centrale.

Ed è cosi che, da Alberobello a Locorotondo, da Martina Franca a Cisternino, ogni giorno la luce mediterranea fa della Valle d'Itria il sogno immobile di una natura ancora a misura d'uomo.

Oltre a una passeggiata tra i trulli del centro storico, raccomandiamo una visita al "Trullo Sovrano" il più alto esistente e l'unico a due piani, che oggi ospita eventi e concerti, e alla Chiesa di Sant'Antonio anch’essa a forma di trullo.

Ad Alberobello è un dedalo di vicoli, con più di 1000 trulli, vi sembrerà di passeggiare in un altro mondo e in un altro tempo.
 La tradizione di questa zona della Puglia rivive ogni giorno con i gesti antichi e sapienti delle donne che ancora lavorano i merletti, tessono a mano e preparano orecchiette e pasta fresca. Un paesaggio da fiaba!
 

I rioni della città di Alberobello

La città di Alberobello si divide in due rioni, che si chiamano Rione Monti ed Aja Piccola
 

Rione Monti

E’ quello che si vede spesso nelle cartoline, con tanti trulli fitti fitti, per la gioia dei bambini che penseranno di essere nella terra degli elfi o dei Puffi a seconda della fantasia! Pensate che solo in questo rione i trulli sono più di mille! Nel Rioni Monti vale la pena di visitare il Trullo Siamese: due trulli in uno, proprio come due gemelli siamesi! Una passeggiata nel Rione Monti ti trasporterà in una dimensione fiabesca: non esitare a mettere da parte la cartina ed a passeggiare senza meta tra i trulli!
 

Aja Piccola

L’altro rione di Alberobello si chiama Aja Piccola. Non è tempestato di trulli, ma vi sono alcuni musei ed edifici che conviene visitare prima di terminare la propria visita turistica ad Alberobello.

- Casa D’Amore: non è un trullo ed è stato costruito – a differenza delle usanze locali – con l’uso di calce, dunque non a secco! Ospita l’ufficio del turismo.

- Casa Pezzolla: il museo del territorio è ospitato proprio da Casa Pezzolla. Casa Pezzolla era la casa del dottor Giacomo Pezzolla, che vi ha dato il nome, e che, nel XVIII secolo, era il medico personale della famiglia D’Aragona. Casa Pezzolla è un complesso di 15 trulli comunicanti, davvero unico e singolare anche in quel di Alberobello!

Palazzo Acquaviva: era la residenza estiva della famiglia Acquaviva Aragona. Il conte GianGirolamo amava rifugiarsi qui per dedicarsi all’attività venatoria.

- Trullo Sovrano: stupendo, a due piani, arredato al suo interno con oggetti ed arredi di un tempo. Ci aiuta a riscoprire lo stile di vita e le abitudini dei nostri avi.

- Basilica di SS. Cosma e Damiano, vale la pena una visita, ed è proprio dietro il trullo Sovrano

Richiedi informazioni

Accetto il trattamento dei dati personali ai sensi della Normativa Privacy

Iscrivimi alla newsletter